Uno strano incrocio

Quella bambina che a sei anni sulle nevi di Foppolo sognava , un giorno, di vincere le Olimpiadi..

Da Simone Moro a Sofia Goggia il passo è breve, talmente breve che basta percorrere poche centinaia di metri per poterli incontrare per le vie di Bergamo Alta o le colline della Maresana, quando non sono in montagna ovviamente

“Mamma, ho vinto l’oro alle Olimpiadi!”

Questo il sogno che Sofia si è regalato, un impresa senza precedenti, mai infatti un italiana aveva vinto l’oro olimpico in discesa libera, la regina delle specialità dello sci alpino

Solamente il grande Zeno Colò nel ’52 a Oslo era riuscito a fare altrettanto tra i maschietti

“La vittoria la dedico a me stessa, al mio bel Paese, alle persone che vogliono bene a Sofia indipendentemente dal fatto che vinca l’Olimpiade. Grazie a chi ha creduto ad una bambina che a sei anni sognava di vincere le Olimpiadi sulla neve di Foppolo

Sono una pasticciona, ma oggi ho cercato di essere una samurai”

DWiscSmXUAEkhzF

 

Oggi Sofia ha raggiunto l’apice della sua ancor breve e già luminosa carriera di atleta e non è un caso che l’abbia fatto proprio alle Olimpiadi, un evidente appuntamento con il destino

Già, perché quattro anni fa gli Olympic Games di Sochi, li aveva potuti solamente commentare da studio e non correre in pista come avrebbe fortemente voluto

A toglierla letteralmente dai “giochi” un maledetto infortunio subito poco più di un mese prima a Lake Louise. Durante la discesa libera il legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro fece “crack” e con lui i sogni di gloria in terra russa

Dagli studi di un emittente televisiva italiana Sofia commentò la vittoria in discesa della svizzera Dominique Gisin, prima ex aequo (fatto più unico che raro) con la slovena Tina Maze

Oggi la Gisin è commentatrice tecnica della tv svizzera e quando Sofia è passata davanti alla sua postazione è successo qualcosa di davvero emozionante

“Ricordo che nel 2013, di ritorno da Lake Louise, stavo su una sedia a rotelle in aeroporto, una ragazza mi bussò sulla spalla e mi disse di prendere il suo biglietto

Lei era in business, io invece in economy

Quella ragazza era Dominique, sapevo chi fosse, ma non la conoscevo affatto di persona

A quattro anni di distanza, dopo alti e bassi, mille gare, mille sconfitte, dopo tante gioie e dolori, ti ritrovo qui davanti a me

io sto vincendo l’Olimpiade e…e sono emozionata!

426429-thumb-full-goggia_gisin_21022018

Si abbracciano Sofia e Dominique, ed è un abbraccio spontaneo e pieno di riconoscenza che vale e pesa più di una medaglia d’oro

Ancora una volta

rinunciare non ha significato perdere, ma soltanto rinviare il successo

Da Simone Moro a Sofia Goggia il passo è breve

921845798

Ritorno in vetta

Domenica 11 febbraio Simone Moro e Tamara Lunger hanno compiuto la loro impresa insieme, la prima salita invernale del Pik Pobeda, la più alta montagna (3003 metri) della grande catena dei Monti Cerskij, nel cuore della Siberia, uno dei posti più freddi, e per questo anche impervi, della Terra con temperature in grado di raggiungere anche i -60 gradi

No, non sono Roger Federer, spiacente di avervi deluso

Se alzate lo sguardo verso il cielo spesso mi troverete lassù, in cima alle montagne più alte del pianeta

Normale, perché di mestiere faccio l’alpinista, il mio sogno fin da bambino

Ricordo che l’impiegato del Comune un giorno mi chiese

“Nome?” (Simone)

“Cognome?” (Moro)

Alla domanda sulla mia professione risposi con un sonoro “Alpinista!”

L’impiegato mi guardò con aria stranita

“Ma scusi, esiste come professione?”

“Si” confermai

“Quindi scrivo alpinista?”

“Esatto”

Un altro impiegato qualche anno più tardi, nonostante la richiesta fosse sempre la stessa, si ostinò a scrivere sulla carta d’identità “Professionista discipline sportive”

A differenza di alcuni impiegati ottusi

la mia famiglia non mi ha mai impedito di credere nei sogni

aiutandomi così a realizzarmi come alpinista di alta quota e a farne la mia professione

Una professione che mi ha portato al record di maggior numero di ascensioni in prima invernale sugli 8000, scalando nell’ordine il Shisha Pangma (2005), il Makalu (2009), il Gasherbrum II (2011) e il Nanga Parbat (2016)

nf

 

Per realizzare questi miei sogni sono serviti volontà e determinazione, pazienza e perseveranza, fatica e sacrificio, tutti strumenti da acquisire e affinare col tempo

E’ servito anche provare paura per conoscerla, per imparare a gestirla e poter decidere che è più importante qualcos’altro

Un ruolo fondamentale in tutto questo l’ha avuto il fallimento

Rinunciare non è da falliti, bisogna essere dei campioni per farlo in tempo e senza conseguenze. Nel mio mestiere non è facile resistere alla tentazione della cima che ti chiama dicendoti che potresti entrare nella storia dell’alpinismo

Nel 2008 mi sono fermato a meno di 200 metri dalla cima del Broad Peak.

Ero da solo, stavo bene e le condizioni meteo erano perfette,

ma era tardi, maledettamente tardi, erano le 14:30

Raggiungere la vetta a quell’ora significava esporsi ai pericoli del buio prima di rientrare al mio ultimo campo. Mi fermai e iniziai la discesa, con le lacrime agli occhi, ma con la vita in salvo. Ero quasi arrivato, mai nessuno era riuscito a scalare in invernale un 8000 in tutto il Karakorum, nonostante oltre vent’anni di tentativi

Tre anni dopo, in compagnia di Denis Urubko e Cory Richards sono riuscito nell’impresa, conquistando la cima del Gasherbrum II

Questo insegna che rinunciare non significa necessariamente perdere, ma soltanto rinviare il successo e comunque poterne conseguire altri

Anche la morte ho visto da vicino, era il giorno di Natale del 1997

Parete Sud dell’Annapurna, in cordata con il mio maestro Anatoli Boukreev e con Dimitri Sobolev fummo sorpresi da una valanga. Io sopravvissi per miracolo, dopo un volo di 800 metri, perché ebbi la fortuna di atterrare sull’unico spiazzo a metà parete invece che precipitare per altri 1000 metri

In pochi istanti mi ritrovai seduto, rivolto verso valle, con le gambe immerse nella neve fino alle ginocchia, ferito alle mani e ad una gamba, ma vivo

Dopo aver chiamato invano a gran voce i miei compagni fui “costretto” a mettermi in salvo

Aver visto da vicino la morte mi ha aiutato a crescere come uomo e a farmi apprezzare ancor di più il valore dell’esistenza

io voglio vivere per un sogno, non morire per un sogno

 simone-moro-592696

Parla con umanità Simone Moro e arriva dritto al cuore di chi lo ascolta

Sogno e determinazione si fondono e si mescolano in quest’uomo cresciuto ai piedi delle Orobie, nel bergamasco, le montagne “sfigate” come lui stesso ama definirle, sempre con affetto però, quando le paragona alle Dolomiti o al Cervino

Lo ascolti e rimani affascinato dal suo saper condividere i propri sentimenti attraverso le doti comunicative

La semplicità è l’arma con la quale arriva alla gente in modo diretto, autentico, facendoti sentire partecipe delle imprese e delle emozioni ricavate, anche se non muovi nemmeno un passo in montagna

Nella speranza che le sue narrazioni regalino spunti e riflessioni, stimoli e ispirazione

Un po’ quello che è successo a me nel sentire direttamente dalla voce di Simone il racconto dell’impresa sul Nanga Parbat, conclusasi il 26 febbraio 2016 con la conquista della sua quarta prima salita invernale di un 8000, record assoluto

Un impresa riuscita dopo un corteggiamento lungo più di quattro anni, passato attraverso un paio di tentativi falliti, nel 2012 e nel 2014, e nonostante l’incidente di percorso accaduto alla sua compagna di viaggio, Tamara Lunger, costretta a fermarsi a soli 70 metri dalla vetta

Tamara aveva capito che se avesse proseguito non sarebbe tornata a casa

Durante la discesa inoltre inciampò e cadde compiendo un volo di almeno 200 metri

Si fermò per miracolo grazie ad un tratto di neve fresca

Ritrovato il rifugio però, la luce da lei accesa riuscì a guidare sani e salvi Simone e i due compagni di viaggio

C’è un immagine che più di tutte mi ha colpito di questo racconto

20161125_230712

La foto ufficiale scattata per le agenzie di stampa poche ore dopo la conquista del Nanga Parbat ritrae Simone insieme ai due compagni capaci di raggiungere la vetta, il pakistano Alì Sadpara e lo spagnolo Alex Txicon, ma soprattutto in compagnia di Tamara, una testimonianza ancora una volta autentica del valore di quest’uomo, un leader carismatico capace di fare squadra con semplicità e coerenza

Un uomo grazie al quale domenica scorsa Tamara ha coronato il proprio sogno

perché come diceva Madre Teresa

la felicità non è una destinazione, ma un percorso

20161125_231250

Tra lacrime e stupore

Ed ora ladies and gentlemen è il momento del vincitore

era questa la trentesima volta che disputava una finale dello Slam, un record

Sette di queste finali le ha giocate qui, agli Australian Open

Sei le ha vinte

Oggi quest’uomo è diventato il primo uomo della storia del tennis a raggiungere un incredibile ventesimo titolo dello Slam

o_federer_f_rla_28012018_43

Ecco, ci (ri)siamo, ora tocca a me

…from Switzerland, ma amato in tutto il mondo, ROGER FEDERER!

Ovazione della folla nella Rod Laver Arena

Alzo le braccia, muovo in avanti, sorrido

tre gradini e sono sul palco, Ashley Cooper mi consegna la coppa, il mio amato Norman

la bacio, la mostro al mondo intero

Un boato

Sono felicissimo ed emozionato, molto emozionato

Vincere è la conclusione di una favola, è un sogno che si avvera, dopo l’anno stupendo…il 2017

mi trema la voce, mi blocco, abbasso lo sguardo…che fatica ragazzi

Applaudono tutti, applaude Mirka, applaude Rod che intravedo lì in fondo

Vado avanti, cerco di sopraffare l’emozione, ma ho un nodo in gola

E voi, che riempite lo stadio, che fate si che mi vada ad allenare, che mi rendete nervoso, teso, GRAZIE!

Altro boato

Riprendo fiato, cerco un po’ di coraggio per l’ultimo ringraziamento, il più importante

It’s tough

(è dura)

And my team, I love you

Cedo di schianto

Piango

26992349_1886783924696808_3693570733974452521_n

Esattamente come nove anni fa, beh non proprio e-sat-ta-men-te

(Sorrido)

Già allora molti mi davano per finito

e invece sono ancora quà

Sono passato dal momento più buio “Dio, quella cosa mi stava uccidendo sul serio” se ci penso

a vincere due volte di fila questo torneo

Dopo mesi che ero stato fermo

per giunta anche contro il mio eterno rivale Rafa (lo scorso anno)

Sono incredulo e sono fiero

Vorrei abbracciarvi tutti per avermi sostenuto sempre

Per aver creduto in me

Per aver superato come me lo sconforto di quei momenti in cui tutto sembrava perduto

Guardo a terra e sbuffo per cercare di trattenere le lacrime

Vedo tutti questi anni scorrere rapidamente come in un film

Sono arrivato a venti Slam e sembro il primo a non crederci

Venti Slam

E’ pazzesco

Eppure non mi sento per niente stanco, la passione alimenta le mie forze

Tutti mi dicono che gioco meglio ora rispetto a dieci anni fa, quindi perché smettere?

Mi fermerò soltanto quando Mirka si stancherà di viaggiare

FB_IMG_1517168945520

Lo speaker annuncia nuovamente il mio nome

Esco dallo stato di sospensione e mi esorto

C’mon Roger, goditi l’attimo

Bacia la coppa e ritrova il sorriso

Il peggio è passato, Norman sta tornando a casa

o_federer_f_rla_28012018_65

26993913_1745347422163152_9217465884350303259_n[1]